Procedura aperta per la partecipazione alla redazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione della trasparenza e l'integrità anni 2019-2021.

Zip icon32 Scarica l'Archivio (.zip)

 

 

 

 

È stato presentato martedì 8 gennaio, presso il Palazzo della Delegazione a Marina di Ginosa, il nuovo progetto di estendimento e rafforzamento del servizio idrico e fognante. Si tratta di uno sviluppo di rete pari a 17 km, con un potenziamento della rete fognaria stimato per circa 1,2 km. L’inizio dei lavori dell’opera, che avrà un costo totale pari a € 14.100.000, è previsto per settembre 2019. 
Presenti all’incontro con gli organi di stampa, il Sindaco di Ginosa Vito Parisi, l’Assessore ai Lavori Pubblici Nicola Piccenna, il Consigliere con Delega alla Manutenzione del Territorio Nunzio Ricciardi, per l’Autorità Idrica Pugliese il Direttore Generale ing. Vito Colucci e la Funzionaria ing. Cecilia Passeri, mentre per AQP è intervenuto il RUP ing. Gaetano Barbone.

Si sono chiuse positivamente due conferenze di servizi, indette dall’Autorità Idrica Pugliese, relativamente ai “Lavori di completamento del servizio idrico e fognante a servizio del comune di Taranto fraz. Talsano” ed al “Potenziamento ed estendimento della rete idrico e fognaria in vari tronchi dell’abitato di San Giorgio Jonico”.
Per quanto concerne la progettazione in merito al quartiere di Talsano, la stessa riguarda il V lotto funzionale di interventi previsti per la città di Taranto e consiste nella realizzazione di circa 19 km di rete idrica con tubazioni in ghisa sferoidale, e di circa 14 km di tronchi di fognatura nera con tubazioni in grès ceramico, di cui circa 773 metri riguardano la sostituzione di un collettore principale, attualmente in cunicolo.

Dal 1° luglio gli utenti del settore idrico in condizioni di disagio economico ed in possesso dei requisiti previsti dalle normative, possono richiedere uno sconto in bolletta attraverso il Bonus Sociale Idrico Nazionale. All'agevolazione hanno accesso tutti i nuclei familiari con Indicatore di situazione economica equivalente (Isee) inferiore a 8.107,50 euro, limite che sale a 20.000 euro se si hanno più di 3 figli fiscalmente a carico. Le condizioni sono quelle già previste per usufruire del bonus elettrico e gas. La richiesta di Bonus può essere presentata al proprio Comune di residenza o ai Caf delegati dal Comune congiuntamente alla domanda per il bonus elettrico e/o gas e, quando accettata, permetterà di usufruire di uno sconto in bolletta pari al costo di 18,25 mc annui (equivalenti a 50 litri al giorno, cioè il quantitativo minimo stabilito per legge per il soddisfacimento dei bisogni personali) per ciascun componente il nucleo familiare. 

Link utili

  • Depurazione
  • Monitoraggio
  • osservatorio
  • Bonus
torna all'inizio del contenuto